La netiquette, o galateo di comportamento in Rete, è quell’insieme di regole utili a partecipare a progetti digitali di community, forum, chat, user generated content. Anche all'interno del sito Mulino Bianco suggeriamo una netiquette, che vi preghiamo di rispettare per una buona convivenza civile di tutti i partecipanti. La trasgressione sistematica di uno o più suggerimenti comporteranno la censura del post o, nei casi più gravi, la cancellazione dell’utente registrato.

Per qualsiasi ulteriore informazione vi preghiamo di scriverci qui

1. Per comprendere il tenore degli interventi e non risultare fuori luogo, è utile leggere i messaggi già pubblicati: in questo modo ci si rende conto dell'argomento e del metodo con cui lo si tratta all’interno della community.

2. Prima di porre domande, sinceratevi che non sia stata già data risposta nelle FAQ.

3. Se si manda un messaggio, è bene che esso sia sintetico e descriva in modo chiaro e diretto il problema. Non ripetersi, non dilungarsi, non scrivere troppo spesso. È una tentazione diffusa quella di ripetere lo stesso concetto, o mandare “raffiche” di messaggi. Prima di “inondare” un’area di discussione, meglio sempre chiedersi: “ma davvero gli altri troveranno interessante quello che dico”?

4. Non usare i caratteri tutti in maiuscolo nel titolo o nel testo dei tuoi messaggi, nella rete questo comportamento equivale ad "urlare" ed è altamente disdicevole.

5. Non divagare rispetto all'argomento; anche se talvolta questo comportamento è accettato o almeno tollerato aggiungendo il tag [OT] (cioè Off Topic che significa "fuori argomento") nell'oggetto del proprio messaggio, non deve essere considerato una regola.

6. Se si risponde ad un messaggio, evidenziare se strettamente necessario i passaggi rilevanti del messaggio originario, allo scopo di facilitare la comprensione da parte di coloro che non lo hanno letto, ma non riportare mai sistematicamente l'intero messaggio originale.

7. Può capitarci di leggere qualcosa che ci dà fastidio: ma prima di reagire è meglio pensarci bene. Siamo sicuri che è un’aggressione? È una vera polemica o è uno scherzo? È intenzionale o è un banale errore? Abbiamo capito bene le abitudini, le usanze, il linguaggio del “luogo”? Ci conviene rispondere subito o aspettare un poco per vedere se interviene qualcun altro? La migliore risposta può essere il silenzio, o un messaggio privato? Molti flame si scatenano per un malinteso; e una volta che la “fiamma” della polemica è accesa diventa difficile spegnerla. Meglio pensarci prima.

8. Sono da evitare le flame, cioè quei dissensi personali che in rete possono trasformarsi in “fiammate” incontrollabili. È meglio non portare mai in un’area pubblica un dibattito privato, specialmente se polemico. Non pubblicare messaggi privi di contenuto utile a chiunque legga o che semplicemente prendono le parti dell'uno o dell'altro fra i contendenti in una discussione.

9. Non pubblicare mai, senza l'esplicito permesso dell'autore, il contenuto di messaggi di posta elettronica o privati.

10. Non essere intolleranti con chi commette errori sintattici o grammaticali. Chi scrive è comunque tenuto a migliorare il proprio linguaggio in modo da risultare comprensibile alla collettività.

11. Qualunque post contentente insulti, parole disdicevoli o discriminatorie nei confronti di idee, sesso, razza, religione, espresse dagli altri utenti sarà immediatamente rimosso e all’autore verrà inibito l’accesso alla community.

[Basata ed adattata sulla netiquette ufficiale di Internet (http://www.rfc.altervista.org/rfctradotte/rfc1855_tradotta.txt) e il commento di Giancarlo Livraghi (http://www.gandalf.it/uman/42.htm)]