Spot pubblicitario febbraio 1987.

Il sistema di comunicazione della valle Felice, centrato per più di dieci anni sul mito di un arcaico e sereno mondo contadino, si evolve con le nuove sensibilità sociali: è una giovane ragazza con la chitarra (Ida Simonsen) a presentare la vita dei campi in chiave realistica.
Il nuovo head-line è: "Ci sono cose che il tempo non cambia".
Il pendant musicale di questa nuova linea viene individuato in Bruno Lauzi (1937-2006). Il cantautore genovese scrive per l'occasione due canzoni presentate da una giovane "contadina" che si accompagna con la chitarra.

Bruno Lauzi (1937-2006) era nato all'Asmara nel 1937 ma era cresciuto a Genova. Con Umberto Bindi, Gino Paoli e Luigi Tenco era considerato uno dei fondatori della cosiddetta "scuola genovese". Dopo il '56 Lauzi, trasferitosi a Varese, inizia a frequentare e conoscere l'ambiente artistico milanese di quegli anni, dai "Gufi" ad Enzo Jannacci e a lavorare al mitico "Derby" di Milano. Scopre la canzone francese di Brassens, Brel, Aznavour e compone il brano che darà l'impronta a tutta la sua produzione artistica futura: "Il poeta".
Alla fine degli anni Sessanta conosce Lucio Battisti ed entra nella sua casa discografica: la "Numero Uno". Sono gli anni di brani storici quali "E penso a te", "L'aquila" e "Amore caro, amore bello". Autore prolifico e poetico - sue sono, solo per ricordarne alcune, "Lo straniero" scritta per George Moustaki, "Quanto t'amo" per Johnnny Halliday, "L'appuntamento" per Ornella Vanoni, "Piccolo uomo" per Mia Martini - vinse vari premi della critica discografica per i suoi testi fra cui, da ultimo, il Premio Tenco nel 2006. Scrisse, inoltre, canzoni per bambini tra le quali "La tartaruga", e "Johnny il Bassotto" colonne sonore di sigle televisive animate da Bruno Bozzetto.
Bruno Lauzi si spegneva, dopo una lunga malattia, nel 2006. Per Mulino Bianco aveva scritto, nel 1987 i testi delle due canzoni dedicate al grano per la campagna televisiva della "Ragazza con la chitarra".

1  2  3  4  5  6  
Una ragazza con la chitarra canta il mondo del Mulino Bianco. Scene di campagna. Bruno Lauzi cura le musiche dello spot.
Una ragazza con la chitarra canta il mondo del Mulino Bianco.
Scene di campagna.
Bruno Lauzi cura le musiche dello spot.